Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘vaccinazioni obbligatorie vaccinazioni non-obbligatorie libertà vaccinale Platone salute pubblica anti-morbillo e autismo associazioni anti-vaccinali’

In occasione dell’imminenza del decreto governativo sull’obbligo vaccinale, ed in relazione ai chiarimenti che mi sono stati chiesti da pazienti ed associazioni di genitori, vorrei esporre qui quelle che sono le mie opinioni al riguardo.
Devo però premettere che scrivo non solo come medico specialista in pediatria e come esperto in omeopatia, ma anche come filosofo (dati gli studi accademici in questa disciplina ai quali mi sono dedicato negli ultimi anni) [vedi curriculum su questo blog]. Anzi direi che in particolare scrivo da quest’ultimo punto di vista, dato che mi sembra che il più vantaggioso piano di discussione della problematica sia bio-etico (e quindi filosofico-umanistico) più che invece scientifico-naturalista.
Per tale motivo mi asterrò espressamente dal menzionare dati scientifico-sperimentali. Essi infatti hanno la loro oggettiva ed incontestabile importanza, ma non occupano a mio avviso un ruolo di primo piano nella questione che stiamo affrontando.
Oltre a ciò vanno fatte tre ulteriori importanti premesse.
La prima premessa riguarda la mia qualifica di “omeopata”. In questo settore sono in possesso di un’ampia ed approfondita qualificazione ed anche di un’esperienza clinica di ormai molti anni. Ritengo però che sia assolutamente sbagliato che un medico si attribuisca la qualifica di “omeopata”, ponendosi così in conflitto con la qualifica di “allopata” (o anche “medico tradizionale”). Dal mio punto di vista infatti entrambe le qualifiche sono riduttive, improprie ed irrealistiche. Ed ancor più lo è il conflitto che inevitabilmente insorge tra di esse. Non ritengo dunque che si possa in alcun modo parlare di una “medicina omeopatica”; dato che la relativa disciplina non è altro che una delle tante possibili dottrine diagnostico-terapeutiche che la medicina nella sua interezza può e deve ospitare. La cosiddetta “medicina omeopatica” rappresenta pertanto una mera realtà oggettiva, rispetto alla quale però il fattore soggettivo – ossia la persona del medico e l’omonima qualifica (“medico”), che è l’unica davvero legittima – gioca l’unico ruolo decisivo.
È infatti solo il medico in persona che, nell’adottare eventualmente l’omeopatia quale possibile opzione terapeutica (nell’estensione che a lui appare adeguata e lecita), giustifica poi l’impiego della relativa metodologia specifica. E va da sé che, nel farlo, egli non opera alcuna scelta radicale tra possibili opzioni diagnostico-terapeutiche (ed esempio tra omeopatia ed allopatia), ma semplicemente si limita ad accoglierle tutte nel contesto del complesso di conoscenze teorico-pratiche del quale dispone in forza dell’iter formativo svolto in ottemperanza alle leggi vigenti. Per essere concreti, ciò significa che in alcun modo il medico così identificato tenderà ad escludere in assoluto una modalità terapeutica laddove essa sia invece oggettivamente indicata secondo il famoso principio di “scienza e coscienza” (ad esempio: uso di antibiotici, cortisonici etc.).
La seconda premessa riguarda la liceità con la quale la medicina per così dire “ufficiale” ritiene di poter e dover imporre come unica dottrina diagnostico-terapeutica quella che invece coincide appena con una tra le tante possibili epistemologie (nel senso di conoscenza dell’uomo e del mondo, con il relativo metodo standardizzato), e cioè quella scientifico-sperimentale o anche empirista che è propria delle scienze naturali moderne. Discipline come l’omeopatia e l’agopuntura (e simili) sono quelle che sono proprio in forza di uno statuto epistemologico autonomo (e del tutto internamente coerente) che decisamente sfugge ad illecite cogenze come queste. E da ciò discende che il metodo diagnostico-terapeutico da essi impiegato può essere sottoposto a giudizio in assoluto, ma non invece ad opera di quella che è appena un’epistemologia tra le tante, e cioè quella scientifico-sperimentale. Questo genere di giudizio sarà infatti sempre soltanto parziale, relativo, e mai assoluto. Personalmente ho esposto considerazioni come queste in diversi scritti [Vincenzo Nuzzo, “L’esperimento conoscitivo tra medicina ‘evidente’ (EBM) e la ricerca scientifica non dogmatica: esperienza di un confronto”, Atti del Forum 2000 “L’insegnamento della Medicina. Il programma universitario per il medico del futuro: L’Omeopata”, Sorrento 24-27 Febbraio 2000; Vincenzo Nuzzo “Cosa significa curare?”, Homeopathy and Integrated Medicine, 3 (1) 2012, 1-14; Vincenzo Nuzzo, “Fondamenti filosofico-metafisici e religiosi della concezione medica dell’uomo”, Homeopathy and Integrated Medicine, 2017 (in via di pubblicazione)]. Pur fatti salvi i caposaldi dell’etica medica prima esposti, non è quindi in alcun modo ammissibile che da parte degli avversari di un metodo come quello omeopatico, si parli di esso come di una prassi illecita, indegna della medicina, o perfino truffaldina e tendenzialmente colposa.
La terza premessa consiste nella domanda circa il pubblico al quale è rivolto questo scritto. Ebbene, in primo luogo esso è rivolto ai pazienti ed ai genitori di pazienti, in modo che possono avere elementi di giudizio che solo un medico può dare loro. In secondo luogo esso è rivolto a quei medici che, sia da un lato che dall’altro (allopati ed omeopati), si schierano su posizioni ideologiche ed intolleranti, che impediscono loro di vedere (ed eventualmente anche riconoscere) le ragioni di coloro ai quali si oppongono. E rispetto a questo c’è anche da precisare che coloro che rivolgono all’omeopatia le più infamanti accuse sono in genere medici che semplicemente non la conoscono; in quanto essi non si sono dedicati ai lunghi e profondi studi che sono necessari per conoscere davvero questa disciplina.

Dico tutto questo perché buona parte della querelle intorno alle vaccinazioni investe propri i temi appena illustrati.
Ma veniamo ora al dunque.
Bisogna partire dalle perplessità da sempre espresse dalla dottrina omeopatica rispetto alla pratica vaccinale. Perplessità che si incentrano comunque su un principio del tutto interno a tale dottrina, e cioè quello secondo il quale la terapia dovrebbe basarsi sull’uso del “simile” e non invece del “contrario”. Ora prescindendo dal fatto che la vaccinazione non è affatto una terapia, sta di fatto che l’introduzione in un organismo di un agente patogeno costituisce uno dei casi più eclatanti di sollecitazione di esso per mezzo di “contrario”. Si tratta quindi di una sollecitazione totalmente esogena, e che peraltro sfugge completamente anche alle circostanze dell’infezione naturale. Quest’ultima infatti è in sé del tutto indipendente dall’azione volontaria ed arbitraria umana (e dunque anche dalla possibile azione jatrogena) (nota 1), ed è pertanto legata ad una casualità in gran parte imponderabile. In altre parole qui il possibile “male” arrecato all’individuo non ha alcun responsabile. Tutte queste caratteristiche fanno sì che la prassi vaccinale abbia un certo carattere di “innaturalità”, e (in una certa misura) anche di “immoralità”. Tuttavia metto severamente in guardia il lettore dal prendere questi aggettivi come giudizi di valore, e sono peraltro perfettamente consapevole del fatto che su di essi ci sarebbe da fare un discorso molto profondo ed articolato, entro il quale tutti i possibili punti di vista avranno la loro giustificazione. Non vi è qui però spazio per un discorso del genere.
Su questa complessiva base si può comprendere perché la dottrina omeopatica abbia da sempre sospettato che una così forzosa ed innaturale sollecitazione dell’organismo nella sua totalità, e soprattutto del suo sistema immunitario, possa indurre (oltre all’attesa risposta anticorpale protettiva) anche un tendenziale deragliamento dell’equilibrio omeostatico individuale. Ed in termini anatomo-fisiologici tale deragliamento va senz’altro nel senso di ciò che in medicina si intende come “ipertrofia” ed “iperplasia”. La dottrina omeopatica parla in questo caso di “sicosi”, ossia di una tendenza alla proliferazione (tendenzialmente incontrollata) dei tessuti, che può è sempre per definizione patologica.
Più concretamente si tratterebbe di una proliferazione possibilmente incontrollata del sistema immunitario individuale, il cui equilibrio potrebbe virare verso patologie come le allergie, le sindromi auto-immunitarie, le malattie da accumulo, e forse anche le proliferazioni neoplastiche.
Orbene, di tutto ciò non vi è però alcuna prova di tipo scientifico-sperimentale. E ciò per il fatto semplicissimo che mai è stata confrontata da un punto di vista statistico una popolazione di individui non vaccinati con una popolazione di individui vaccinati (alla ricerca di un’eventuale differenza significativa nella prevalenza di patologie). Quelle degli omeopati si limitano ad essere pertanto delle pure supposizioni non provate. Tuttavia va anche detto che, nel contesto della consapevolezza di un medico (il cui pensiero si basa sulla conoscenza generale dell’anatomo-fisiologia), le supposizioni sono da considerare tutt’altro che mere fantasie senza fondamento. Esse possono infatti sempre contenere rilevanti “sospetti”; i quali (almeno in una certa misura) meriterebbero di essere sottomessi alla verifica (positiva o negativa) di tipo scientifico-sperimentale. E qui va pertanto posta in evidenza una piuttosto grave pecca della prassi vaccinale in generale. Essa infatti è stata introdotta da Jenner nel XVIII secolo (e poi perfezionata da Pasteur nel XIX) su basi totalmente empiriche ed affatto invece scientifico-sperimentali. Ci si è infatti limitati a registrare l’effetto positivo costituito dalla resistenza del vaccinato all’agente patogeno in questione (constatazione poi ulteriormente approfondita in studi attestanti l’aumento ematico dei relativi anticorpi). Mai però sono stati condotti studi molto più generali, che tendessero ad indagare i fondamenti effettivi della prassi vaccinale, e cioè la sua oggettiva giustificazione a fronte di rischi e benefici. Rispetto a questo siamo in grado di citare solo alcuni dati molto indiretti. Essi stanno in connessione con la cosiddetta “hygiene hypotesis”, ossia quell’insieme di studi che suppongono la bassa prevalenza di malattie allergiche e auto-immuni (sulla base di specifiche modifiche del sistema immunitario) in quei paesi non sviluppati nei quali i bambini sono esposti alle infezioni naturali invece di essere sottoposti a vaccinazioni di massa [H. Okada, C. Kuhn, H Feillet, and J.-F. Bach, “The ‘hygiene hypothesis’ for autoimmune and allergic diseases: an update”, Clinic and Experimental Immunology, 160 (1) 2010, 1-9]. Dati come questi furono pubblicati anche diversi anni orsono in un articolo comparso su The Ped. Clin. Of North. Am., che però non siamo più stati in grado di rintracciare.
A tale proposito c’è comunque da menzionare anche un primo elemento squisitamente filosofico, e cioè la giustificatissima critica rivolta da Husserl e Edith Stein alle scienze empirico-naturali. Esse venivano infatti accusate di non avere un “fondamento”, ossia di non conoscere di fatto proprio l’essenza stessa (ossia la vera natura) del proprio oggetto di studio. Esattamente per questo i due pensatori mettevano a disposizione la ricerca filosofica sulle essenze (propria della Fenomenologia), quale strumento per offrire finalmente un fondamento alle scienze empirico-naturali. E ciò ha il rilevante risultato di rendere impossibile l’elaborazione autarchica di teorie puramente astratte e senza alcun fondamento conoscitivo da parte delle stesse scienze. Tali teorie tendono infatti ad essere elaborate dalle scienze empirico-naturali in modo del tutto fantasioso, e quindi senza alcun riguardo all’oggettiva razionalità degli assunti sui quali si basano. Si tratta di ciò che di fatto è accaduto con la teoria darwiniana dell’evoluzione. Orbene, applicando tutto questo alla medicina empirico-naturalistica, bisogna rilevare che, ponendosi come pura scienza sperimentale (come la biologia), essa di fatto ha rinunciato totalmente alla conoscenza approfondita del suo primario oggetto di studio, e cioè l’uomo immerso nel mondo dell’essere. E tale pecca si lascia riconoscere perfettamente proprio nella facilità (tutta pragmatistica e poco pensante) con la quale la prassi vaccinale è stata universalmente ammessa e poi anche istituzionalizzata.
Una volta detto tutto questo, va però riconosciuto che l’introduzione delle vaccinazioni è stata essenziale (anche solo come strumento empirico) nel debellare malattie davvero terrificanti (vaiolo, polio, difterite). Ed esse inoltre giocano ancora un ruolo fondamentale nel rendere nulle le possibilità di contrarre una malattia non meno terrificante com’è il tetano. Malattia che non è stata affatto debellata, e quindi costituisce una possibilità ancora del tutto reale. A tale proposito risultano molto dubbi gli argomenti di coloro che hanno sostenuto che la riduzione di tale malattie sarebbe il mero effetto delle migliorate condizioni igieniche delle società avanzate (nelle quali poi la vaccinazione è stata da tempo introdotta come prassi di massa). Tutto ciò non può essere considerato assolutamente vero, dato che in quelle circostanze storiche (come nel corso della caduta dell’Unione Sovietica) in cui c’è stata una rilevante caduta dell’immunità di gregge (la copertura vaccinale almeno del 95% della popolazione), si è assistito al ritorno delle malattie appena menzionate.
Parliamo con ciò delle cosiddette vaccinazioni “obbligatorie”, e cioè di quelle che fino ad alcuni anni orsono venivano praticate per mezzo della cosiddetta “tetravalente” (contenente polio, difterite, tetano e virus dell’epatite B). Ebbene, a mio avviso, sull’opportunità di praticare queste vaccinazioni non consiste di fatto alcun dubbio. Tutte le possibili perplessità ed obiezioni divengono infatti del tutto secondarie a fronte dell’incontestabile vantaggio costituito dalla scomparsa di malattie devastanti, mortali, inabilitanti e peraltro non facili da curare. Ed a tale proposito sarebbe ovviamente del tutto folle pensare di lasciare alla natura la possibilità che si contragga una malattia come quelle menzionate, provvedendo poi alla sua cura magare per la via di terapie “alternative” come l’omeopatia. A mio avviso infatti, se all’omeopatia può essere riconosciuto un ruolo nel trattamento delle malattie croniche e degenerative, tuttavia il suo uso nelle malattie acute (specie se molto acute e configuranti un’urgenza) è affetto da troppe possibili variabili (nell’efficacia) per poter essere ritenuto sufficiente ed affidabile. Del resto riposano proprio su questo le affermazioni (molto superficiali se non ignoranti) di coloro che dicono che «l’omeopatia non funziona».
Il discorso però cambia sensibilmente rispetto a tutte le vaccinazioni che (prima dell’imminenza dell’attuale decreto) erano considerate “facoltative”. In questo caso infatti le possibili perplessità di fondo circa la prassi vaccinale assumono nuovamente tutta la loro rilevanza. E ciò per un motivo primario molto semplice: – da diversi anni assistiamo ad una progressiva crescita esponenziale di vaccini contro tutte le possibili infezioni. E ciò avviene in una prospettiva che nulla vieta di considerare praticamente illimitata ed illimitabile. Inoltre vi è da considerare anche a tale proposito un importante elemento etico- e politico-filosofico, e cioè quello relativo alla vera e propria moderna ossessione per la «sicurezza totale e ad ogni costo». È infatti proprio questo il fattore di spinta che sollecita le strutture produttive (industria dei vaccini) ad allargare in maniera illimitatamente crescente l’offerta di nuovi vaccini. E ciò avviene peraltro nella certezza di fatto che, in forza del principio appena menzionato, tale prassi debba incontrare il consenso incondizionato della coscienza collettiva (specie da parte dello Stato). È comunque evidente che ci troviamo qui di fronte ad un principio che non è affatto detto che sia assoluto ed universalmente condivisibile. Esso è infatti invece meramente relativo. E ciò per il semplice motivo che è puramente ideologico (e quindi in una certa misura anche meramente soggettivo). Proprio qui inizia pertanto a profilarsi quel tema della libertà che più avanti discuteremo più in dettaglio.
Le infezioni verso le quali tali vaccinazioni vengono proposte non hanno comunque in alcun modo le caratteristiche di quelle prima menzionate. E ciò sia per la gravità del relativo stato acuto (con il rilevante rischio di morte o disabilità permanente), sia per la possibile estensione della compromissione di tessuti e organi, sia per l’estensione della relativa epidemia, sia infine per la curabilità. Non vi è alcun dubbio che la meningite sia una malattia molto grave, talvolta mortale o invalidante, ed anche non sempre facile da curare. E tuttavia essa non compare affatto con un andamento epidemico, ma invece solo in molto limitati focolai. Quanto poi al morbillo, non vi è dubbio che esso abbia un andamento clinico mediamente molto intenso e che comporti anche un numero non piccolo di rilevanti complicazioni. E tuttavia la sua gravità non è comparabile con quello delle malattie prima menzionate.
Ebbene, è proprio a proposito di tutto questo che emergono considerazioni di tipo filosofico del genere di quelle che già abbiamo fatto riguardo al fondamento della prassi vaccinale. Solo che qui emergono in modo ben più chiaro i relativi elementi etico-filosofici. Uno di questi è quello sostenuto con forza da parte dei movimenti anti-vaccinali, ossia la libertà di scelta che essi rivendicano per coloro che hanno la responsabilità della cura dei propri figli, ossia i genitori. A fronte di tale argomento si delinea però in modo chiaro il relativo contro-elemento etico-filosofico. E non a caso esso ha visto in Platone il più alto ed ampio paradigma di riflessione (specie nella Repubblica, nel Politico e nelle Leggi): – la comunità politico-sociale (retta dallo Stato) come entità organica ed organismica, ossia come insieme di parti integrate, ognuna delle quali svolge un determinato compito assolvendo così obbedientemente ad un dovere il cui senso primario è poi l’integrità dell’insieme. Integrità senz’altro minacciata se l’insieme sociale non è costituito da parti integrate, ma è invece costituito da parti ognuna delle quali si muove indipendentemente dalle altre, o addirittura contro le altre parti o contro l’insieme stesso. In termini bio-medici possiamo riconoscere in questo il paradigma stesso della crescita cancerosa; nella quale le cellule, sottratte ad ogni forma di controllo repressivo centrale, si comportano in maniera del tutto anarchica e quindi inevitabilmente distruttiva.
Indubbiamente ci troviamo qui insomma di fronte ad un rilevante conflitto: – libertà individuale incondizionabile da un lato, e limitazione della libertà individuali ai fini dell’interesse collettivo dall’altro lato. È esattamente per questo che ritengo che il piano primario sul quale va discussa la questione delle vaccinazioni, è proprio quello etico-filosofico.
E da quanto ho appena detto, appare chiaro che ciascuna delle due prese di posizione appena menzionate ha e deve avere le sue giustificazioni ed i suoi meriti. Nel campo della questione vaccinale abbiamo infatti da un lato i genitori che rivendicano la libertà di poter decidere senza costrizioni circa le prassi sanitarie alle quali sottoporre (o meno) i loro figli, e dall’altro lato abbiamo lo Stato che ha il dovere di rappresenta gli interessi collettivi della comunità, e quindi ha una ben precisa responsabilità nel raccomandare ed anche imporre (ove necessario) prassi sanitarie in assenza delle quali sussisterebbero dei gravi rischi per tutti. È dunque evidente che molto probabilmente il gold standard in questa così complessa materia sta in una via di mezzo. Ma ciò implica anche una discussione partecipativa nella quale non si protesti e si attacchi soltanto, ma si sia anche disposti a condividere la magari dovuta obbligatorietà di alcune determinate prassi vaccinali.
Per tutto ciò che abbiamo finora detto, a me sembra che non vi possano essere dubbi circa la necessità che pro-vaccinatori ad oltranza ed anti-vaccinatori ad oltranza convengano sull’imprescindibilità della prassi vaccinale relativa a quelle che prima erano considerate come vaccinazioni “obbligatorie”. Il che significa che, se una battaglia popolare per la “libertà” andrebbe combattuta, questa dovrebbe limitarsi che finalmente ricompaia sul mercato la vaccinazione tetravalente. Essa è infatti da molto tempo irreperibile nelle farmacie, ed inoltre (cosa ancora più grave) è del tutto assente anche presso i centri vaccinali. Una volta ripristinata questa disponibilità, allora il discorso della libertà può e deve essere posto, nel senso di lasciare ai genitori la scelta di sottoporre o meno i loro figli alle vaccinazioni “non obbligatorie”. E ciò in relazione ad una valutazione autonoma dei rischi che essi intendono (o meno) correre; valutazione che andrebbe effettivamente considerata inalienabile. Qui dunque gli argomenti scientifico-sperimentali (prevalenza delle relative infezioni, tasso differenziale di complicazioni tra infezione naturale e vaccinazione etc.) dovrebbero essere dai medici debitamente presentati ai genitori, in modo che essi abbiano effettivamente in mano dei saldi elementi per poi prendere una decisione autonoma. Ed in relazione a questo bisogna prendere atto del fatto che le associazioni anti-vaccinali hanno pienamente ragione nel protestare contro una prassi vaccinale, entro la quale molto spesso manca un’informazione preliminare dei genitori e talvolta perfino la stessa valutazione clinica antecedente la vaccinazione.
Circa i cosiddetti “esami prevaccinali” non mi risulta invece che essi esistano per davvero e siano giustificati (se non nell’immaginazione di alcuni irresponsabili colleghi, che purtroppo hanno eretto su questo la cura di interessi puramente personali).
In ogni caso, da un punto di vista etico-filosofico, non è ammissibile che i suddetti argomenti scientifico-sperimentali vengano invece impiegati come argomenti che supportano la decisione da parte dello Stato di imporre la relativa vaccinazione. E così veniamo ad uno dei nuclei dell’attuale querelle, e cioè il morbillo e la relativa vaccinazione.
È infatti proprio in relazione a questi ultimi che l’attuale imminente decreto si è posto, impiegando di fatto in modo impositivo (ma in principio legittimo) argomenti puramente scientifico-sperimentali. Ciò che insomma si sostiene è che, sulla base di una valutazione scientifico-sperimentale di tutti i dovuti elementi (intensità dell’infezione morbillosa, bassa prevalenza delle complicazioni vaccinali rispetto all’infezione naturale etc.), sarebbe tassativo mantenere i livelli di copertura vaccinale in prossimità di quel 95%, al di sotto del quale effettivamente non risultano spenti i possibili focolai di morbillo. Questo è del resto un dato di fatto, e non ha dunque alcun senso sforzarsi di contestare questo dato (come fanno oggi le associazioni anti-vaccinali). In questo caso infatti ci si muove sullo stesso piano scientifico-sperimentale sul quale si muove lo Stato. Come ho detto, il discorso va invece condotto sul piano etico-filosofico.
Premesso questo, va però anche precisato che ci sono qui gravissime responsabilità anche da parte dei movimenti anti-vaccinali. Troppo infatti si è insistito (e sulla base di supposte prove sperimentali assolutamente inconsistenti) sulla relazione tra vaccinazione anti-morbillosa e malattie come l’autismo. Ed esattamente questo ha determinato la caduta dei livelli di copertura, facendo poi sì che il morbillo ricomparisse. Ebbene, anche qui le considerazioni etico-filosofiche sono imprescindibili ed assolutamente primarie. Questa volta però decisamente a vantaggio dell’elemento costituito dalla piena liceità di provvedimenti impositivi da parte dello Stato nel momento in cui condizioni oggettive li impongano.
In questo senso divengono del tutto secondarie le considerazioni prima fatte circa l’effettiva appropriatezza della vaccinazione contro il morbillo. Infatti, puramente in via di principio (e cioè sulla base dell’elemento etico-filosofico appena menzionato), la decisione dello Stato di reagire alle conseguenze collettive determinate da una campagna di opinione irresponsabile, isterica e del tutto priva di fondamenti oggettivi, è da considerare assolutamente legittima.
E lo stesso credo si possa dire di una delle principali preoccupazioni espresse dai movimenti anti-vaccinali, e cioè il timore per possibili reazioni acute secondarie alla somministrazione di vaccini. Rispetto a questo si avanza in particolare il sospetto che tali reazioni siano dovute ad un’inappropriata preparazione dei vaccini (adjuvanti, metalli pesanti etc.) oppure anche ad un’incauta somministrazione. Anche qui ci troviamo di fronte a congetture e non a certezze. Sebbene sia chiaro anche in questo caso che, a fronte anche di vaghi sospetti, sarebbero tassativi studi seri ed affidabili tendenti a fare luce definitiva sulla materia. E qui è senz’altro lo Stato a doversi sottomettere al criterio etico-filosofico che impone di evitare in ogni modo l’esposizione della collettività a rischi assolutamente inaccettabili. In questo caso quindi il peso del suo potere dovrebbe gravare totalmente e severamente sull’industria produttrice dei vaccini ed anche sulle istituzioni culturali mediche che di fatto ne rappresentano gli interessi.
Tuttavia abbiamo già detto che se esistono delle preoccupazioni e perplessità mediche relative alla prassi vaccinale, esse riguardano gli effetti delle vaccinazioni che sono più occulti, profondi, insidiosi e a lungo termine. Fatte salve le precisazioni or ora fatte, tali preoccupazioni e perplessità non riguardano quindi affatto gli effetti più superficiali ed evidenti, e cioè quelli acuti. Del resto la tecnologia vaccinale ha i suoi limiti oggettivi, e quindi è del tutto illusorio pensare alla produzione di vaccini che non producano alcuna reazione acuta. Inoltre talvolta queste ultime sono determinate dall’agente patogeno stesso e non invece dagli adjuvanti: – agenti patogeni potenzialmente neurotropi possono almeno teoricamente provocare reazioni collaterali che investono il sistema neurologico del bambino (irritabilità, sonnolenza, convulsioni, febbre alta etc.). Dall’altro lato, almeno nel caso delle vaccinazioni obbligatorie, non vi può essere dubbio circa il fatto che chi lascia che il proprio figlio si sottoponga ad esse, deve sapere che tali reazioni sono possibili. Qui insomma gli inalienabili interessi della collettività prevalgono decisamente su quelli individuali. Dall’altro lato va anche considerato che, nel contesto di una società sottomessa ai rischi di un costante e crescente inquinamento (consistente peraltro proprio nei cosiddetti metalli pesanti), è piuttosto illogico attribuire un così grande valore all’eventuale somministrazione solo una tantum di possibili inquinanti per mezzo delle vaccinazioni.
Quanto poi alle proteste contro l’inizio delle somministrazioni di vaccini all’età di due mesi di vita, si dovrebbe considerare che essa si basa su studi immunologici i quali statuiscono con chiarezza l’efficacia molto maggiore dei vaccini stessi (in termini di risposta immunitaria) quando la somministrazione sia precoce. In questo non si ha dunque alcun motivo di accusare lo Stato si farsi complice di una sorta di sterminio di massa.
Anche rispetto a tutto questo le associazioni anti-vaccinali avrebbero pertanto il dovere di fare un passo indietro ed abbassare i toni di una polemica che ha spesso assunto i contorni di una vera e propria isteria di massa. Ed è evidente che non è su questa strada che si può procedere in modo credibile.

Non credo che vada aggiunto altro a quanto ho finora detto. In conclusione è evidente che il disegno dell’imminente decreto ha i suoi lati deboli ed in una certa misura anche inaccettabili. Bisognerebbe però anche considerare che questo decreto si è reso necessario sulla base degli effetti di una polemica che progressivamente è andata configurando una serie di cognizioni e di comportamenti i quali non si sono attenuti di certo né alla verità oggettiva né alle necessità oggettive della comunità (ed in fondo anche a quelle della salute individuale). Su questa base ritengo che tra associazioni anti-vaccinali, istituzioni dogmaticamente pro-vaccinali e Stato dovrebbe essere aperto un dibattito sul piano dei temi ed elementi che ho indicato. Il che significa che, tutto sommato, ci sono sufficienti motivi per sospendere la promulgazione di un decreto che verrebbe a configurare una situazione senza più alcuna via di uscita. Inoltre sul piano estremamente concreto, una volta che si sia receduto dallo scenario attuale, lo Stato dovrebbe adoperarsi per la soluzione dell’inaccettabile situazione rappresentata dall’assenza sul mercato del vaccino tetravalente.
Ed infine la cosa forse più importante di ogni altra è che tutti gli attori di questo scenario (pazienti, associazioni, medici, politici e produttori) dovrebbero fare un severo esame delle proprie affermazioni ed intenzioni, in modo che si ritrovi un piano di discussione sul quale (nel rispetto di quella che è la più ragionevole verità) sia possibile confrontarsi nel rispetto reciproco, al di fuori di irrigidimenti ideologici, ed al di fuori anche di inaccettabili atteggiamenti di tipo “stalinista” nella pretesa di programmare centralmente in modo dogmatico e dittatoriale entro una materia nella quale invece il rispetto della libertà deve essere assolutamente tenuto presente.

Nota 1: Per iatrogenesi va intesa l’induzione di effetti indesiderati per mezzo di pratiche terapeutiche in sé destinate a curare uno stato patologico.

 

 

Annunci

Read Full Post »