Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘trump viaggi su marte marte hanna arendt hans jonas ecologia passato valore del passato modernità decelerare svuluppo ecologia’

Nel dopo-trump ci sono, credo, tre convergenti notizie di cronaca da commentare.
Notizie che alla luce degli spaventi provocati a tutti noi dal Tycoon (tranne a coloro che sono in male fede, qualunque ideologia politica professino) assumono il senso inquietante di inconfessabili verità finalmente rivelate. E credo che l’articolo scritto su questa rivista da Fano sul senso della vittoria di Trump (da intendere come «fiine», e non invece come «inizio») dovrebbe farci interrogare piuttosto angosciosamente sul perché ciò stia accadendo proprio adesso.
E questo, temo, non è altro che l’inizio.
Le notizie (verità rivelate) da commentare sono tre: – 1) la constatazione finale da parte dei TG del già ampiamente previsto successo di The young pope di Sorrentino; 2) l’inizio delle grandi manovre mediatiche per accreditare la semi-bufala di un’imminente viaggio umano su Marte; 3) la notizia (verosimile e per questo ancora più angosciante) dell’invenzione di un motore a propulsione magnetica che consentirebbe il viaggio umano su Marte in soli 70 giorni.
Alla luce di questo non è difficile cogliere l’essenza dell’inconfessabile verità finalmente rivelata.
È questa e tanto semplice quanto choccante (almeno per chi ha ancora orecchie per intendere): – «Signori è davvero la fine (come diceva Fano)!  E dunque si sbologna! Insomma si smamma!».
E Trump c’entra eccome. Dato che ha annunciato che il problema ambientale non è altro che una bufala inventata dalla Cina. E così, siccome l’uomo medio è dappertutto un imbecille (forse negli USA più ancora che altrove), egli ha avuto gioco facilissimo nel lasciar credere che il suo «fantastico» programma economico consentirà al morto di fame dell’entroterra americano di liberarsi finalmente delle pastoie ecologiste, aspirando così di nuovo alla ricchezza illimitata promessa da sempre dal sogno appunto «americano». Che fin dall’inizio è stato una delle più grandi minacce alla sopravvivenza del Pianeta Terra.
Sta di fatto che benissimo ha fatto chi ha detto (non ricordo dove e quando) che l’unica e semplicissima spiegazione al distruttivo deterioramento ambientale del Pianeta Terra è uno solo, e cioè l’avidità umana. E figuriamoci ora a quali limiti arriverà tale avidità se è diventato ormai presidente degli USA un magnate.
Insomma nella Trump Tower erano già inscritti tutti i crittogrammi che servivano per decifrare quelle verità inconfessabili che ora però ci vengono buttate in faccia senza più paura di nasconderle. È evidentemente giunto il tempo (come qualcuno potrebbe leggere nelle stesse previsioni nostradamiche).
Intanto comunque ci viene detto che perfino il Papa può essere tranquillamente un tanghero senza che nessuno più nemmeno si indigni. Anzi mettendo in scena (sapendo bene che è però solo per ridere a crepapelle, come ben sa primo tra tutti Sorrentino) addirittura la santità che il papa sarebbe giunto a conquistarsi appena decidendosi ad essere apertamente un tanghero.
Come aveva fatto a non pensarci prima? In fondo bastava pochissimo, e cioè trasformarsi dal bacucco di sempre in un giovane, scattante, seducente, flessuoso ed ammiccante young pope.
Uno che non si deve capire mai se sta in estasi mistica oppure in orgasmo sessuale.
Mentre questo accade, e mentre Trump trionfa (promettendo così di ammazzare in maniera ancora più rapida un mondo che già agonizzava penosamente), ci viene intanto comunicato che quella tecnologia che è stata la causa di tutti nostri guai (come visto da tempo da una catena inarrestabile di pensatori, tra i quali Hannah Arendt e Hans Jonas) ci sta offrendo ora i mezzi per andarcene da questo pianeta ormai condannato. L’espressione usate nella relativa fiction (per il momento) è sublime nella sua delirante cattiveria: – «Raddoppiare le nostre possibilità di sopravvivenza».
E giù i così americani great e fantastic degli idioti di turno in veste di imminenti astronauti (rigorosamente multirazziali) e geni dell’astronomia e dell’ingegneria spaziale. Con in più la retorica dell’eroismo tipicamente americanoide – «Sempre oltre! Sempre oltre!».
Insomma, c’è bisogno di dire più di questo?
Sono pessimista, molto pessimista. Sì lo ammetto! E non dico neanche che intanto non debba esistere che invece non si rassegna a restare comunque ottimista. Dico solo che sono necessari entrambi. Dopotutto le Cassandre hanno avuto sempre la loro giustificazione. E sempre solo a posteriori. Del resto io, oltre che il pensatore di professione, faccio anche il medico. E così mi occupo di fatto della morte. Anche quando proprio non sembrerebbe. Cercare di garantire il più possibile la salute è infatti proprio il cercare di scongiurare il più possibile la morte. Almeno finché ci si riesce.
Ed allora non ci resta che guardare in faccia alla realtà.
Cosa vogliamo fare? Rassegnarci a ciò che è «moderno», e quindi non si può in alcun modo criticare? Oppure invece iniziare a renderci finalmente conto che nella «fine» le responsabilità sono ben più ampie di quanto sembrano. Non si tratta infatti nemmeno di politica ma soprattutto di antropologia.
Ho già cercato di dirlo in alcuni articoli che ho scritto in questa rivista. Noi siamo ormai tutti gravemente ammalati della sindrome del «viaggio», dell’«abbandono» e dell’«oblio» a qualunque costo. Tutte le nostre vite sono organizzate intorno a questa malattia ossessiva e delirante. Tutte le puntate della nostra speranza si risolvono in questa assurdità.
Vogliamo vederlo o no che così non stiamo procedendo affatto verso il futuro ma lo stiamo invece annientando? Mai infatti nell’intera nostra storia di essere terrestri siamo stati così stupidi e ciechi da non comprendere che in assenza del Passato (e della relativa Stasi), il Presente non è altro che un episodio morboso in cui tutto il Futuro viene consumato dalla febbre.
Questa è esattamente l’avidità. Di cui tutti noi, senza alcuna eccezione, siamo responsabili.
Dunque sarebbe auspicabile che la smettiamo di applaudire entusiasticamente le porcherie che ci vengono propinate solo per permetterci di continuare a fare quello che stiamo facendo. Ossia non vedere!
Smettiamola allora di sognare davanti ai così tanti schermi che ci affliggono la vita. Mettiamo finalmente i piedi per terra. Rallentiamo. Fermiamoci. Ricostruiamo un Passato!
Si sono un inguaribile pessimista. Ma è troppo sperarlo?

Annunci

Read Full Post »