Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘star male psicoterapeuta seneca gesù fede felicità della fede’

Seneca, Lettere a Lucilio,  IV, ep. 41.
“…fai cosa ottima se continui a progredire verso la perfezione, che è da stolti invocare dal di fuori, dato che uno può ottenerla da sè“.
Leggendo, mi veniva subito da pensare ai così frequenti, innumerevoli per la verità, falliti tentativi di tanti di noi nel chiedere aiuto, nelle nostre ambasce esistenziali, a qualcosa come uno psicoterapeuta. Proprio oggi (simultaneità junghiana) pensavo quanto è da stupidi farlo, e quanto invece è da intelligenti non farlo. E mi si crocifigga pure!
Insomma, dice Seneca, “non serve invocare il custode del tempio…per potere essere meglio ascoltati“. E cosa cerchiamo tutti noi in uno psicoterapeuta? Ascolto, appunto. E cosa troviamo invece? Troviamo solo i pregiudizi di un sacerdote, che sempre sà già in partenza chi dovresti essere o non essere  e cosa dovresti avere o non avere. Ed allora, o ti lasci violentare e deviare, o ti tieni, irrisolte, tutte le tue perplessità.
Quanto più vale invece invocare proprio Dio in persona!
Non naturalmente per ottenere salvezza dalle circostanze in cui ti trovi (cosa che nessuno potrà darti : meno di tutti uno psicoterapeuta). No, solo per ottenere, nel dolore, il sommo bene della Sua immediata prossimità (noi cristiani lo chiamiamo incontro con Gesù). Cioè la pura e semplice felicità della fede. Ben superiore al dolore. Che a questo punto diviene veramente felix culpa.
Ma è lo stesso Socrate a dirlo, un non cristiano, sebbene con parole che spesso nemmeno i cristiani hanno il coraggio di proferire : “Dio ti è vicino, è con te, è dentro di te. Sì, o Lucilio, uno spirito divino è dentro di noi, osservatore e giudice delle nostre azioni buone e cattive : e come noi trattiamo lui, così lui tratta noi. Certo nessuno è buono senza Dio. Come ci si può innalzare al di sopra della sorte se non col suo aiuto? Dio ci dà i nobili e retti consigli ; in ogni uomo onesto «c’è Dio, anche se non sappiamo chi sia» (Virgilio, Eneide, VIII, 352)”

Read Full Post »