Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘sophia filosofia eros conoscitivo gnosi’

Abstract.
In questo articolo abbiamo cercato di mostrare l’esistenza nel sapere Gnostico di una definizione assolutamente positiva della filosofia (in termini di giudizio di valore), ma senza che ciò esiga alcuna netta distinzione del suo ambito da quella del pensiero religioso e della fede. In particolare qui la filosofia viene definita identica alla “Sophia”. Questo concetto risale direttamente al chiarimento della sua essenza da parte di Platone. Laddove di esso venne formulata una definizione rigorosamente filosofica, ma senza nemmeno in questo caso ridurne la valenza profondamente religiosa. Il concetto di “Sophia” assunse però nella Gnosi un significato ben più ampio e cioè personologico-divino (precisamente femminile). Tale entità è stata definita poi in modo molto simile nella Sofiologia greco-slava (specie russa) e nella Mariologia cattolica – come Madre di Dio e Vergine Maria –, sebbene il suo paradigma dottrinario vada riconosciuto nella Gnosi più integrale. Parte dei significati sottolineati da quest’ultima sono rimasti comunque intatti anche nella riflessione patrologico-greca dalla valenza più intensamente gnostica; con vertice in Clemente, Origene e Evagrio Pontico, ed in maniera ben più attenuata in Gregorio di Nissa.
In tutti questi ambiti dottrinari la “Sophia” è apparsa comunque fortemente legata alla dimensione dell’
conoscitivo; approssimandosi così fortemente al concetto di filo-sofia così come coniato proprio in Platone.
Tale significato fu poi ripreso molto direttamente nelle riflessioni visionarie dell’Apostolo greco-slavo Cirillo, e successivamente nella dottrina di Solov’ëv.
Su questa base abbiamo indicato nella Gnosi un ambito di sapere nel quale compare una valutazione di positiva della filosofia (unitamente alla precisa definizione appena illustrata) che risalta fortemente rispetto a due valutazioni-definizioni storiche diametralmente opposte della disciplina. La prima posizione è quella maturata nel contesto di un pensiero che non si è mai divincolato dall’opposizione radicale tra Ragione e Fede. E così in tale ambito la filosofia (svalutata o ipervalutata che fosse) appariva comunque nettamente distinta dalla sfera religiosa. La seconda posizione è quella sviluppatasi nell’estremo pensiero moderno (dopo l’Idealismo e la Filosofia analitica). Essa sostiene ormai una totale svalutazione della filosofia, in quanto accusata di indebolire un realismo scientifico-etico e naturalista (assolutamente laico) che invece dovrebbe essere considerato assolutamente vincolante.
In questo senso ci sembra pertanto che, indipendentemente dalla piena condivisione del pensiero gnostico, quest’ultimo offra comunque a noi tutti la preziosa possibilità di giudicare positivamente la filosofia, assegnando così ad essa il ruolo che merita, ma senza incappare in alcuna rigorosa opposizione tra la sfera della Ragione e quella della Fede.
NB.: L’articolo consiste in 12 pagine. L’autore sarà lieto di fornirne (per posta) una copia cartacea a chi gliene facesse richiesta scritta.
Annunci

Read Full Post »