Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘religione esperienza religiosa dioniso – cristo dio immanente dio trascendente’

Strano, davvero strano! Visto che The Young Pope ha riportato il tema religioso alla ribalta, ora si può essere di nuovo autorizzati a parlarne. «’O popolo ‘o vvò!» (Il popolo lo vuole!). Infatti siamo espressamente autorizzati dai milioni di spettatori che hanno seguito la serie di Sorrentino.
La religione fa di nuovo audience. Del resto c’era da aspettarselo. «La serie ha avuto ancora più successo di Gomorra», dicono candidamente i TG. Non sapendo che in certe orecchie (anche se di pochi) questo suona ben più come un’offesa che non come un complimento.
Ma, sia come sia, ora abbiamo finalmente un Papa mediatico in piena regola. E pure americano. Anticipato da Papa Giovanni, da Woytila e da Francesco, ora lo abbiamo davvero dove doveva stare, e cioè esattamente laddove George Orwell (1999) aveva previsto che dovesse stare una simile figura. Nello schermo!
Ebbene, di che genere è questo perfetto Papa mediatico? È cattolico? No! È più in generale cristiano? No! È religioso? Pare di sì. Perché la suora-keaton dice che è santo, e lui stesso si intrattiene in segreti conciliaboli mistici con i pochissimi in Vaticano che abbiano ancora una parvenza di homines religiosi. Che poi credano o meno in Dio, è un particolare di secondo piano. Come già i Papi pre-mediatici ci avevano insegnato, Dio non è infatti per nulla davvero trascendente ma è invece solo immanente. E questo è quello che dice anche il Papa mediatico.
Però sta di fatto che non si può davvero credere in qualcosa che sia «un dio», se non si crede in primo luogo nella sua trascendenza; ossia nella sua totale invisibilità soprannaturale.
Anche se però facciamo finta che non sia così, il problema non è affatto ancora risolto. Perché manca ancora qualcosa, e cioè la coerenza bilaterale dell’affermazione del Dio immanente.
Ebbene, vediamo, questa coerenza può essere attribuita a Papa Pio XIII? In qualche modo sì, perché appunto egli pone la religiosità al di fuori dei così angusti e soffocanti limiti dell’Istituzione. Così da lasciare di stucco il satanico orlando-vojello, il quale vorrebbe invece che il Papa fosse un uomo di Stato. Ed a questo poi il Sublime aggiungerà (con le fulminanti intuizioni trasfusegli dal Sorrentino-Gambardella) che il fior fiore di immensi pensatori moderni (gruppi rock, cantanti ecc.) si contraddistinguono proprio per il non lasciare mai apparire mai la loro immagine. Cioè non lasciandosi mai intervistare. Eppure chissà perché (mi chiedo io, povero scemo) non lo fanno anche rinunciando ai famosi cachet da capogiro di discografici ed organizzatori di concerti! Del resto abbiamo oggi anche un Bob Dylan Nobel che manco se lo fila il premio ricevuto!
Ma comunque qui emerge la possibilità, ed anzi l’urgente necessità, di essere religiosi senza essere intanto bacchettoni e formalisti. Ed a questa possibilità-necessità il Papa mediatico per eccellenza impresta perfino anche le forme più adeguate, ossia quelle dionisiache. Si muove infatti con la stessa flessuosità femminea e la stessa santa crudeltà (da amante invasatore e mangiatore di carne sanguinolenta) che sono del Dioniso adulto di ritorno dall’India con un corteo di Menadi infoiate, pantere e leopardi. E di Menadi di certo il nostro Pio XIII non manca. Prima tra tutte l’arianna-suora-keaton. Tipica madre-nutrice-amante del dio.
Ebbene qui c’è però davvero poco da scherzare. Anzi proprio qui casca l’asino! Infatti, se c’è una religiosità nella quale il Cristianesimo (anzi il Cristo stesso) affonda le sue radici profondamente, questa è proprio quella dionisiaca. Ci sto scrivendo in libro, e se qualcuno avrà l’ardire di pubblicarmelo, forse potrò dimostrarlo nei fatti. Ma qui casca comunque l’asino. Perché a questo punto la coerenza delle affermazioni circa l’immanenza di Dio viene per davvero allo scoperto in tutta la sua drammaticità e serietà. Non c’è infatti vera esperienza religiosa se essa non tocca davvero il corpo di Dio e non ne è toccata. E questo non è ovviamente possibile se non si presuppone comunque un Dio Trascendente che intanto stia anche nella pienezza della sua immanenza. Quello che il dionisismo ha fatto addirittura fino a rasentare ed oltrepassare i confini della bestialità.
Pertanto non si può parlare di una pienezza dell’esperienza religiosa se non si ammette che sta nel dionisismo il suo paradigma. Anche se Dio mi guardi dal sostenere che la relativa liturgia debba basarsi su orge sfrenate, sbranamento di animali vivi, castrazioni, stupri, assassini, sacrifici umani, ed altre porcate del genere. La cosa viene spiegata bene da Mircea Eliade in moltissimi suoi libri – al fondo di tutto ciò vi è qualcosa di santissimo, e cioè la ierogamia (il congiungimento primordiale tra il principio maschile e femminile). Fonte non solo di vita, ma soprattutto di vita che non si estingue mai, e cioè immortalità. Un punto di riferimento per innumerevoli metafisici.
Orbene a questo ci crede davvero il Papa pre-mediatico, anche se si fa un punto d’onore di dire che il Dio è talmente immanente da dover essere identificato precisissimamente con l’uomo che più soffre? Ci crede davvero a questa esperienza religiosa che è intensamente spirituale e personale, prima ancora di essere morale, ecclesiale ed istituzionale? È davvero difficile affermare di sì!
Ma ci crede poi il Papa mediatico? Il quale sostiene (sebbene dopotutto tra le righe, e cioè tra le maglie delle varie schifezzelle oggi indispensabili per fare spettacolo) che la religiosità dovrebbe essere totalmente riformata nel senso di una sua davvero totale autenticità. Ebbene, per rispondere, dobbiamo chiederci quale sia questa autenticità. È forse quella del Dioniso femmineo impegnato nel suo trionfo e compiaciuto di sé stesso nel farlo? E con tutti gli annessi e connessi (già illustrati nel precedente articolo)? È davvero difficile che sia così.
Ed allora bisogna guardare con grande equilibrio al Dioniso che funge effettivamente da paradigma del Cristo. Una volta, infatti, purgata di tutte le sue possibili impurità umane (che nemmeno Dioniso stesso aveva mai voluto; anche se, poverino, non sapeva che poi sarebbe venuto Nietzsche a contraddirlo), la religiosità da lui proposta non è affatto quella nietzschiano-titanica; e cioè quella della danza ebbra e ferina di uno schifa-uomini aristocratico-belva del pari del nostro Pio XIII.
Essa ci propone invece questo: il lasciarci invadere da Dio; l’essere ispirati profondamente da Lui; l’essere agiti da Lui da dentro; il mangiare davvero interiormente ogni giorno il suo Corpo e bere il suo Sangue; il sentire che siamo vivi solo e soltanto nel mentre la sua Presenza (sempre assolutamente silenziosa, invisibile e rispettosissima) circola negli interstizi tra le nostre cellule; il sentire che è Lui la Forza che ci spinge a resistere sempre, a lottare sempre, a sperare sempre, a sempre continuare a vivere qualunque avversità stiamo intanto vivendo; ed il celebrare il più possibile tutto questo insieme a quello e quelli che sono davvero alla nostra portata.
Ma questo per un solo scopo, e che Platone ha illustrato alla perfezione (meglio di tanti Cardinali e Papi), e cioè quello ritornare alla fine totalmente a Lui, al suo Corpo; che poi è quaggiù il vivere integralmente per il Bene, per il Giusto, per il Bello e per il Vero. Sapendo quindi oltrepassare con saggezza ed equilibrio qualunque forma di immersione, anche quella eccessivamente religiosa.
E soprattutto sapendo scansare qualunque tentazione titanica, perfino quella del santo-riformatore ad oltranza.
Bisognerebbe udire parole come queste per convincersi che si sta davvero parlando di autenticità religiosa, ossia di una religiosità davvero non istituzionale. E non mi sembra che parole come queste vengono correntemente affermate né da Papi pre-mediatici né da Papi mediatici. Anzi, il Papa mediatico sembra avere probabilità molto maggiori di farci dimenticare per sempre cosa sia davvero religione.
È vero sissignore che abbiamo bisogno di una radicalmente nuova religiosità. Ma questa non è affatto la risposta.

Annunci

Read Full Post »