Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘modernità uomo mondo pessimismo bruttezza complottismo rivoluzione disintegrazione sociale’

Pubblico qui l’incipit della nuova ricerca filosofico-metafisica che ho appena iniziato, ed il cui titolo è “Per una metafisica del mondo contemporaneo”.

 

«In che mondo stiamo mai vivendo?». È la domanda che credo ormai molti di noi si pongono; ed in modo piuttosto angoscioso. O forse bisognerebbe dire che se la pongono molti di coloro che ancora conservano occhi per vedere, orecchie per udire, e soprattutto un cuore per sentire. Parlo insomma di coloro per i quali si può ancora dire che essi hanno una vita animica. Cosa che da sempre una metafisica religiosa davvero schietta (come la Gnosi) ci ha mostrato essere tutt’altro che scontata. Infatti non è per nulla detto che per davvero tutti gli uomini hanno un’anima. Essi la posseggono senz’altro in termini naturalistici, ossia come facoltà di animazione; ed in tal modo la condividono con animali e piante (come descrissero Aristotele e perfino Tommaso d’Aquino).
E tuttavia le cose stanno in maniera molto diversa quando con il termine «anima» noi intendiamo in realtà «spirito». Anche a proposito di quest’ultimo si potrà dire che tutti gli uomini sono spirito, in quanto enti intellettuali, e cioè conoscenti. Ma in tal modo avremo scelto un intendimento qualitativo di spirito. Ben diversamente stanno le cose quando di esso sceglieremo l’intendimento qualitativo. Allora risulterà chiaro (come videro gli gnostici identificando l’uomo spirituale nell’uomo “pneumatico”, ossia divino per filiazione diretta) che non è affatto vero che tutti gli uomini sono ed hanno spirito. Tuttavia è anche vero che nell’esperienza autenticamente religiosa (che è tale quando essa è davvero spirituale, e non invece appena confessionale) l’uomo «di buona volontà» può accostarsi alla spiritualità; ossia può conquistarla. Ma questo presuppone un vedere ed un volere. E non è detto affatto che essi siano presenti nell’uomo per natura.
Ebbene, con tutto ciò andiamo al problema davvero centrale del mondo così come oggi può o meno apparire. La maggioranza degli esseri umani, infatti, non è più come l’uomo ideale che ho appena descritto. Laddove poi, quando il mondo era nel complesso più integro, l’uomo spirituale non equivaleva affatto a quello colto o comunque di alto livello sociale. Con la conseguenza che esso era ampiamente diffuso, ed anzi spesso trovava la sua espressione proprio tra i più semplici e comuni tra gli uomini. Quanti straordinari asceti della semplicità umana sono stati descritti dai più ispirati narratori russi (Dostoevskij, Tolstoj)?
Pertanto i «molti» di cui ho parlato all’inizio sono oggi in realtà solo dei «pochi». È infatti solo ad essi che il mondo si rivela nel modo sconcertante che è proprio della domanda posta alla radice di questa riflessione. Gli altri, invece, e cioè «i più», si limitano a prendere il mondo così com’è. Anzi spesso dedicano tutte le loro energie a fare in modo che esso sia il più brutto e malefico possibile. Questo è in realtà il frutto dell’oscura disperazione che quasi inconsapevolmente li tormenta – chi vive in un inferno, vuole infatti che esso sia affollato, e che quindi altri esseri infernali gli facciano compagnia. E così questo genere di uomini si adopera in modo davvero appassionato e fanatico nello smascherare infallibilmente la presunta bassezza degli altri.
Bisogna anche dire che per la verità le cose nel mondo sono andate sempre in un modo simile.
Nel senso che la maggioranza degli uomini si è sempre posta pochissime domande circa ciò che intanto viveva. E non a caso proprio questo ha sempre distinto il filosofo dal non-filosofo, ossia l’uomo comune. In modo tale che sempre ha avuto la tendenza a prendere il mondo così com’era. Ma sta di fatto che ora è il mondo ad essere diventato davvero molto diverso da come esso era quando ancora regnava un qualche equilibrio (al quale può ben essere attribuito il nome di «ordine cosmico»). Il suo aspetto è infatti ormai così oggettivamente orribile – in termini di desolazione e disintegrazione – da aver fatto sì che la domanda (circa la sua natura) si sia moltiplicata in maniera esponenziale. E ciò che è peggio è che tale orribile aspetto include lo stato stesso degli esseri umani, quale proprio carattere centrale. Anzi ormai lo pone in risalto in maniera davvero straordinaria.
Gli uomini sono infatti diventati davvero orribili a vedersi. A mo’ di indemoniati, essi si aggirano per le strade del mondo come cani rabbiosi – dimenandosi, ululando e sbavando, alla ricerca di qualcosa o qualcuno da divorare o da godere. Non vedono quasi nulla ed hanno pensieri cortissimi e di brevissimo raggio. Si direbbe che ormai si limitano a pensare per meri codici. Il loro pensare ha l’aria di essere appena una reazione binaria («si/no») ai segnali afferenti. E quindi esso si contraddistingue per la brutalità dell’immediatezza propria della risposta (o «soluzione») alla questione posta. Così la maggior parte degli uomini si tiene molto lontana dalle ampie prospettive di pensiero. Le evita infatti come la peste – in quanto inutilmente dispendiose e soprattutto poco fruttuose. Incapaci cioè di recare ciò che essi sempre si aspettano: – un frutto immediato da gustare!
Nello stesso tempo si odia molto, moltissimo. L’odio ha la stessa intensità del desiderio smodato di godere ad ogni costo. Esso rientra infatti nella disposizione a divorare. Perciò chiunque, anche minimamente, faccia da ostacolo a questa perenne corsa furiosa di tutti, viene immediatamente abbattuto senza tanti complimenti – e ciò avviene con una furia sempre unita al gusto. La dilacerazione delle carni crude da parte delle Menadi infoiate è divenuta insomma comportamento collettivo.
Tutto ciò che prima era pensiero critico si è dunque trasformato ormai in questo. La protesta contro le infamie del potere (ed in generale di ciò che è «ideale») si è trasformata così in un’insidiosa e malevola inclinazione al complottismo. Tutto è sospetto, tutto è male intenzionato, tutto è insidiosamente ambiguo, tutto è infetto, tutto è corrotto, tutto è marcio. Tutto va dunque rovesciato, nel senso che va purgato con il ferro e fuoco. Non si tratta più nemmeno di un’ideologia sovversiva. Perché in tutto ciò non vi è la benché minima intenzione trasfigurativa e costruttiva. Si tratta invece ormai solo di abbattere ciò che ci impedisce di vivere come vorremmo, e cioè al massimo. Questa non è più nemmeno la rivoluzione, ma è ormai solo il distillato mostruoso dell’idea rivoluzionaria – è l’idea ancora più elementare differenziatasi in essa e venuta ormai alla luce come un raccapricciante aborto vivo. È la pura idea della distruzione, a sua volta congiunta allo spasimo del piacere. È il puro Thanatos ormai dominante sovrano sull’Eros, e quindi segregatosi come unico aspetto della vitalità.
Pertanto non vi è più nemmeno alcuna distinzione – in termini di infamia – tra chi domina («potere») e chi è dominato. Né vi è più alcuna distinzione tra l’oggetto personale che sarebbe da giudicare «immorale» ed il soggetto personale che lo giudica, ricorrendo ai criteri di una morale.
Non vi è del resto più alcuna morale assoluta e oggettiva – e quindi stabile, come frutto di un’aspirazione costruttiva e frutto della conseguente stabilità già ottenuta. Ma vi è invece solo una morale relativa e soggettiva. E questa non è più per davvero una morale. Perché, nel suo giudizio, essa è solo e soltanto sfrenata. Sfrenata proprio come lo è l’aspirazione a correre senza mai poter essere ostacolati. E questa è poi l’unica forza che sorregge una morale che è solo falsa in quanto puramente strumentale.
Insomma non vi è dubbio che gli uomini si sono ormai trasformati in quelle masse sfrenate e malefiche di raccapriccianti zombies che ormai non a caso tutti i media incessantemente ci propongono. Quella così proposta è evidentemente di una lettura del mondo. Una lettura che denota la perdita ormai di qualunque speranza.
Ma a tutto ciò fa da contraltare anche l’aspetto oggettivo del mondo stesso. Il mondo però (almeno da un certo punto di vista) non è una creatura consapevole come lo è l’uomo. Pertanto il fatto che esso sia sempre più orribile ogni giorno che passa – in termini di impoverimento di bellezza ed incanto, in termini di dilagante laidezza e desolazione, in termini di insidiosa minaccia, ed infine in termini di violenza aggressiva di una Natura sconvolta – ci rinvia in maniera del tutto ovvia al vero nucleo del problema costituito dalla negatività del mondo. E tale nucleo è l’uomo che abbiamo appena descritto. Un uomo ormai decisamente brutto, anzi bruttissimo, anzi orribile.
Dunque è di questo che dobbiamo occuparci se vogliamo condurre una riflessione nel tentativo di dare un volto più preciso alla domanda posta all’inizio, per poi tentare anche di dare ad essa anche una possibile risposta.

Annunci

Read Full Post »