Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘leopardi’

Ho da poco ultimato la stesura di un nuovo racconto. Eccone una sintesi in abstract.

L’autore resta disponibile, per chiunque sia interessato ad essa e ne facesse richiesta, all’invio di una copia cartacea per via postale.

La storia comincia con un risveglio, quello di Giacomo Leopardi dopo la morte, in una casa sconosciuta in cui egli ritrova due uomini a lui affini che poi si riveleranno Fernando Pessoa ed Yukio Mishima. La casa è tutta in un’ampia stanza, dietro la quale, in una fitta penombra si nasconde un’immensa biblioteca, nella quale compaiono sia i libri pubblicati sia quelli mai pubblicati ma comunque scritti. In questa biblioteca si rende poco a poco manifesta la presenza occulta di Martin Heidegger, che diviene sempre più l’oggetto esplicito e non esplicito dei dialoghi dei tre uomini.

I dialoghi rappresentano un percorso di catarsi dei tre poeti e pensatori per riscattarsi dei necessari errori intellettuali e morali, equivalenti ad altrettante parziali opinioni (ovvero molto parziali riflessi della verità), che essi hanno dovuto commettere in vita per assolvere al compito storico di opporsi all’idealismo sentimentalista.

Errori che si rivelano confinare sempre con la possibilità di un peccato, ma che comunque verranno riscattati nel cammino faticoso verso l’unità che, nelle condizioni della vita non più mortale, viene ad essere finalmente possibile. E con essa si apre la possibilità di un perdono.

Non però per chi, come Heidegger, oltre che di errori si è macchiato anche di un vero e proprio aperto peccato (da intendere con ciò è tutto ciò che ruota intorno alla sua adesione al nazismo, e cioè, nell’essenza, soprattutto il suo tradimento dell’iniziale vocazione di filosofo cristiano e quindi il suo tradimento della vera metafisica per una metafisica immanente e ferina), ed intorno a questo ha permesso che si muovesse l’intera sua vita.

Eppure anche per questo si profilerà alla fine il perdono, un perdono che qui avrà l’aspetto di un vero e proprio miracolo. Una possibilità insomma di gioia al di fuori di ogni misura, ovvero la traduzione in definitiva del concetto paolino-agostiniano di felix culpa.

Read Full Post »

Abstract.

Come è per me usuale nel mio lavoro di continua ricerca letteraria e filosofica, ho sentito la necessità di mettere per iscritto le osservazioni fatte nel corso della lettura del volume  dal titolo “Poesie e Prose” di Giacomo Leopardi1, edito da Mondadori a cura di Andrea Rigoni nel 1988.
Ebbene, nell’elaborare gli appunti presi durante la lettura di tale testo mi sono reso che nel complesso essi davano una risposta alla domanda su chi fosse stato e fosse (almeno per me) il Leopardi che ora ritrovavo molto tempo dopo il termini dei miei studi liceali.
Il tentativo di dare risposta a questa domanda è specificamente l’oggetto della presente recensione.
Una recesione che considerata a latere si confronta necessariamente con il tema spinoso della distanza esistente tra il Leopardi giudicato indipendentemente da qualunque genere di canone esegetico ed il Leopardi giudicato invece strettamente in relazione ad essi.
Ciò che qui si propone al lettore è infatti un’interpretazione assolutamente personale e libera dell’uomo, del letterato, del poeta e del filosofo.
Questo può naturalmente essere considerato anche velleitario, ma prima di giungere a tale conclusione bisognerebbe tuttavia chiedersi quanto invece abbia potuto nuocere alla comprensione di una figura letteraria come Leopardi proprio l’applicazione anche nel suo caso di canoni esegetici ed interpretativi di tipo professionale e tecnico, cioè i canoni correnti nel contesto degli studi letterari ufficiali.
La tesi che sostengo in tale recensione è infatti che Leopardi è caratterizzato soprattutto dall’essere un uomo incompeso ed incomprensibile.
Ciò che di lui è essenziale, infatti, non può essere trattato nel quadro di ciò che è possibile entro un contesto letterario di tipo tecnico-professionale, senza correre così il rischio di perdere di vista di Leopardi ciò che è immediatamene vitale, e ciò fino al punto di essere mortalmente serio nella sua crucialità. Ed in tal modo il suo mondo letterario diviene qualcosa di astratto e vuoto, cioè una questione degna di essere trattata solo in oscure e polverose aule univesitarie oltre che in altrettanto oscuri e polverosi gabinetti letterari. Questione per cui nessuno riesce a provare un vero trasporto.
Ma il tentativo di rispondere in modo informale alla domanda circa chi sia veramente Leopardi si confronta anche con un’impressione che sorge quando si legge una raccolta di sue opere non più guidati da una scelta operata da un’autorità costituita.
Ed allora si è portati a chiedersi come mai alcuni dei suoi testi non ci siano mai stati proposti durante gli studi liceali. Può essere accaduto perchè abbiamo una pessima memoria, oppure perché siamo stati dei pessimi studenti. Oppure può essere anche accaduto per una del tutto non casuale omissione da parte dei nostri professori di letteratura. E se è così, potrebbe allora essere che ciò sia accaduto perchè essi erano uomini di parte.
Il senso di tale recensione può quindi anche essere quello di porsi tali domande e cercare di rispondere ad esse.

Testo recensione:

29.10.12
Chi era Leopardi ? ‒ Operette morali, Pensieri ed altro. Ovvero dell’essere filosofo (e metafisico) in quanto poeta.

Lungi da me l’intenzione di fare qui un’esegesi vera e propria del testo leopardiano. Intendo con esegesi un atto da professionista e tecnico della letteratura, cosa che io non sono affatto
Avverto quindi già qui il lettore che questo scritto, sebbene si riferisca direttamente al testo dal titolo “Poesie e Prose” di Giacomo Leopardi2, edito da Mondadori a cura di Andrea Rigoni nel 1988,  non è affatto una recensione in senso classico. Esso non potrebbe infatti esserlo senza essere allo stesso tempo anche pretenzioso ed offensivo verso l’autore e verso tutti coloro che finora hanno scritto su di lui con il titolo per farlo. (altro…)

Read Full Post »

Ho appena ultimato il mio ultimo racconto dal titolo I dialoghi di giorni senza fine  e l’universale Biblioteca….‒ il sogno di Heidegger.

Questo racconto narra del confronto immaginario, in forma di dialogo, tra tre poeti e pensatori, Giacomo Leopardi, Fernando Pessoa e Yukio Mihima.
Il dialogo si svolge in una casa antistante un giardino ed un misterioso bosco, che è situata in un luogo imprecisato di un aldilà post-mortale, e sullo sfondo della quale sorge un’immensa e tenebrosa biblioteca. In questa casa i tre poeti si ritrovano dopo la morte,  riscoprendo con meraviglia la profonda affinità che li aveva legati in vita.
Ma nelle tenebre della biblioteca, che continuamente appare e dispare (fornendo ai dialoganti i contenuti per le loro disquisizioni) si nasconde un’altra presenza, quella del tormentato fantasma di Martin Heidegger, il filosofo tedesco precursore dell’esistenzialismo ed aderente al nazionalsocialismo hitleriano.
L’intero dialogo punta alla catarsi degli errori e dei peccati commessi dai tre diretti protagonisti, dietro i quali si profila però il tremendo peccato di Heidegger.

Al suo termine esso si rivela essere un tentativo di esplorare il mistero del perdono divino

Read Full Post »

“Was ist geschehen?”, “Cos’è accaduto?”
Questo il terribile verso con il quale Marlene Dietrich descriveva dopo la guerra le macerie della Germania e del mondo.
Il film Il rosso e il blu , di Giuseppe Piccioni, fa lo stesso con l’Italia dei tempi nostri. E con il mondo che la circonda.
La drammaticità della domanda è la stessa. Essa contiene lo sgomento per qualcosa di inconcepibile eppure tangibilmente reale.
Perché si può forse descrivere in modo più tremendamente fedele la desolazione di una società se non per mezzo dello spettacolo della spaventosa precarietà in cui versa la sua scuola?
“Qui è tutto un disastro, e noi facciamo quello che possiamo…”, dice la direttrice didattica (Buy) al supplente pieno di buone intenzioni (Scamarcio) per dissuaderlo da un coinvolgimento troppo appassionato nel drammi quotidiani di tale scenario.
Io conosco per esperienza diretta lo scenario, i modi per descriverlo e le intimazioni da esso imposte (specie all’idealista) dal mondo dell’assistenza pediatrica territoriale nei quale sono stato coinvolto fino a pochi mesi orsono. E questa frase me la sono sentita ripetere più volte in tutte le salse.
Ma allora qual’è lo scenario ? E cos’è accaduto per giungere ad esso? (altro…)

Read Full Post »