Feeds:
Articoli
Commenti

Posts Tagged ‘donna otto marzo violenza sulle donne femminicidio disintegrazione sociale’

Non cos’è «una donna», ma invece cos’è «la donna», ci dovremmo chiedere, miei cari amici e mie care amiche.
E chi ha avuto ed ha davvero coraggio ed onestà intellettuale (prima di tutto se donna), si è posto la seconda e non la prima domanda. Personalmente ne ho trattato ultimamente in due articoli (anche se un po’ alla lontana):
1) https://wordpress.com/stats/insights/cieloeterra.wordpress.com ;
2) http://www.succedeoggi.it/2017/02/trump-la-sofiologia/
Ma se quello de’ «la donna» fosse il criterio che davvero prevalesse, allora non ci sarebbero manifestazioni per l’orgoglio femminile come quelle viste ieri. Orgoglio tanto unilaterale (e quindi violento) quanto quello maschile. E soprattutto le avanguardie dei relativi cortei non sarebbero delle Menadi in reggiseno e minishorts che urlano, si dimenano e si baciano lingua in bocca. Così come i portavoce di questi cortei non sarebbero dei mastodontici John Wayne in versione femminile. No! Tutto questo non è affatto «la donna», ossia la donna (femmina) eterna, e come tale, se lo si vuole, anche naturale. Ossia quella donna (femmina) che non si può che venerare. E colpevole, mille volte colpevole, l’uomo (maschio) che osa fare di costei oggetto di qualunque genere di violenza.
Sta di fatto però che nemmeno questo violento è affatto «l’uomo», bensì invece è appena «un uomo».
Ora, l’articolo indeterminativo «un» sta in entrambi i casi per uno stato sociale di atomizzazione e disintegrazione.
In questo stato la società si definisce infatti non più come corpo unitario, ma invece come una sorta di mostruoso ermafrodito scisso già esternamente negli attributi sessuali maschili e femminili entrambi presenti. Essi insomma non sono più destinati a confluire in unione, ma invece sono destinati ad essere esposti così come sono – come quelle teste di decapitati che, un tempo, poste sulle picche stavano a testimonianza di un orrore che doveva educare. E così, in questo stato sociale disgregato nei suoi elementi fondanti (ma non più ricondotti ad unione) possono esistere solo degli atomi, ossia degli “uno”. Laddove l’”uno” così inteso non è affatto il vero uno, ma è invece appena quella parte che, orgogliosa della sua circoscritta e soffocante unità, non solo contraddice il Tutto (il vero Uno), ma anche si pone in fiero conflitto con esso. E però la faccia nascosta di questo orgoglio militaresco è però la disperazione. E con essa vanno una tremenda debolezza e miserevolezza impotente. Una spaventosa incapacità di capire e di agire.
E dunque un miserevole e disperato “uno” è l’uomo (maschio) che picchia o sfigura la donna (femmina). Ed un miserevole e disperato “uno” è anche costei stessa. Ma non tanto quando subisce la ripugnante violenza maschile, bensì proprio quando si costituisce nel suo orgoglio unilaterale. Conseguentemente, allora, sarà violenta anche la retorica vagamente pacificante che ella adotta in queste occasioni. Si dichiara allora ai TG: – «Gli uomini (maschi), che giustamente vengono accusati qui di essere dei boia, vengano alla nostra manifestazione. Perché così si cospargeranno il capo di cenere e la pace finalmente comincerà». Ma chi parla qui è «una donna», e non «la donna». E quindi questo è un grido di guerra e non di pace. Ad esso potrà allora rispondere solo «un uomo» e non invece «l’uomo», e quindi un altro grido di guerra.
E di conseguenza l’uomo (maschio) che farà per davvero quello che gli è stato chiesto dalle donne in marcia (e quindi parteciperà alla manifestazione), può essere solo due cose: – o è un ipocrita oppure è un quaqquaracquà. Ben più coerente ahimè sarà invece l’uomo (maschio) che dichiarerà ai TG: – «Le donne (femmine), che qui vengono accusate di essere delle boia, vengano alla nostra manifestazione. Perché così si cospargeranno il capo di cenere e la pace finalmente comincerà».
Come si vede, non se ne esce. Perché in un caso e nell’altro l’appello è (in pectore) veramente rivolto all’individuo caratterizzato dal stato del «la» o «lo», e non invece di «una» o «un». Però il messaggio è formulato malissimo. Per cui a presentarsi per davvero saranno soltanto degli «uno». Ma con le mazze in mano. E fatalmente la guerra ricomincerà.
Allora smettiamola un po’ tutti di fare gli imbecilli demagoghi, e guardiamo piuttosto alle vere cause della condizione in cui ci troviamo (nel caso specifico la violenza contro le donne). Le vere cause stanno nella totale disintegrazione della società. Ed è evidente che i colpevoli non sono affatto quelli che da un lato e dall’altro vengono identificati.
Ma comunque corresponsabili di questo lo siamo tutti, donne (femmine) e uomini (maschi). E lo siamo tanto più quanto più mostriamo i muscoli. Ben più onesta e costruttiva sarebbe quindi semmai una comune ammissione di colpa.
Quello che è certo è che questa guerra da scimmie stupide non serve a nulla ed a nessuno.

Annunci

Read Full Post »