Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 12 dicembre 2016

1. Introduzione.
Andando alla ricerca della dimensione corporea del Diritto, andremo qui ad illustrare l’essenza della dottrina platonica dal punto di vista specifico della relazione esistente tra Idea e cosa o corpo.
E si potrà subito notare come la nozione trapeli dovunque nelle maglie del discorso di Platone. Essa fu infatti esattamente il centro del suo pensiero, e precisamente nella forma del trinomio strettissimo Idea-Bene-Giusto. Che poi corrisponde alla dimensione divina stessa.
Come dice infatti Huntington Cairns , il pensatore ateniese ha elaborato la più completa teoria della legge mai esistita. E ciò in quanto, diremmo, essa si trova distribuita sui due livelli primario dell’essere, ossia reale e ideale, laddove poi sopra e sotto ogni cosa l’Indicibile quale essenza trascendente. La dimensione del «sotto» è quella dello strato profondo sottostante all’immanenza, mentre la dimensione del «sopra» è quello dello strato supremo costituente l’Alto. Entrambi comunque invisibili. Ed è da questi due livelli invisibili che l’Essenza ideale informa di sé ogni cosa. In modo specifico come un Bene determinante il Giusto, e quindi configurante il Nomos stesso, o anche Dike.
Ora se tutto questo è l’Idea, tutto ciò che sta al di sotto di essa (come sua espressione ontica secondaria) non può che corpo. Almeno in un primo senso del termine, cioè quello immanente.
Poi vedremo il secondo senso, ossia quello trascendente. Dunque è corpo immanente, rispetto all’Idea del Bene-Giusto, l’intera sfera dei contenuti dottrinari e delle prassi del Diritto (corpus legislativo, attività legislativa, relativa teoria filosofica, o Filosofia del Diritto, prassi giurisprudenziale, relative figure professionali ecc.).
Rispetto a tutto questo la posizione di Platone è stata estremamente netta e senz’altro dirompente (Huntington Cairns, p. 302-306). Egli ha infatti chiaramente descritto la problematicità del dibattimento, e ne ha severamente condannato l’insufficienza. Ed ha inoltre deplorato la tipica retorica avvocatizia, contrapponendola proprio alla filosofia. L’interesse di Cicerone per la filosofia platonica non cambia assolutamente nulla in questo. In primo luogo perché egli non fu mai un platonico (sebbene abbia scritto il De republica)  ed in secondo luogo perché il platonismo che egli conobbe fu solo quello tardo e decisamente scettico. Quanto poi alla retorica sofistica, essa è l’esatto contrario del pensiero giuridico di Platone.
Dunque, se da un lato non vi è stato nessun filosofo che più di Platone che abbia fondato la Giustizia (in modo teorico e pratico), tuttavia non vi è nessuno che più di lui che la annienti completamente. Come? Come corpo, e cioè come apparato istituzionale e come tecnica.
Platone pertanto distrugge completamente tutto ciò che può essere considerato «giurisprudenza».
Entro la sua idea di Giustizia, infatti, nulla è in alcun modo «prudenza»: – né in senso comune e lato, né in senso tecnico e specialistico (perizia e cognizione di prassi giuridica e relativi principi…).
Semmai per Platone vi è un solo ed unico Principio, il Bene, ossia l’Uno stesso.
Pertanto non vi è nulla di più inappropriato che presentare il pensiero giuridico di Platone in un’aula della Facoltà di Giurisprudenza. Solo in un certo senso però, e cioè nel senso della ragionevolezza scientifica. In un altro senso, invece, e cioè quello dell’irragionevolezza metafisico-religiosa e strenuamente etica, le cose stanno in maniera del tutto opposta. In questo senso Platone è di importanza vitale per il Diritto. E lo è perché egli dischiude una sfera di riflessioni e meditazioni (quelle relative all’ideale), in assenza delle quali il Diritto resta abbandonato a sé stesso e cioè alla dimensione immanente e corporea.
Ebbene, nessuna disciplina (in primis la Medicina, che io rappresento insieme alla Filosofia) può permettersi davvero il lusso di restare abbandonata a sé stessa. Pertanto il facit principale di questa lezione è il seguente: – anche se il Diritto ha il pieno diritto di essere ciò che è (sul piano immanente), se esso si rifiuta di considerare la Legge così come la contempla Platone, perde qualcosa di davvero fondamentale.
La Legge è infatti per Platone il prodotto del Giusto-Bene. La Legge non è corpo ma è Idea, ossia è in primo luogo suprema e trascendente Unità onto-morale.
…. segue testo completo.
ATT : Il testo completo è di 20 pagine. L’autore sarà lieto di inviare (in forma cartacea) il testo completo dell’articolo a chi ne facesse richiesta scritta.

Read Full Post »