Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for 14 ottobre 2012

I miei libri

Poesia:
Le acque del cielo, Marotta Napoli 1995

 

Racconti:
L’isola, la terra, il viaggio e la guerra
Racconti del compimento. In: http://www.liberaofficinaletteraria.it. Napoli 2009
Mi padre, el gringo. In : http://www.pediatriaolistica.it, Napoli, 2009
Un inerme ad un critico
Il prato di montagna
Tra valli incantate e città dei mille inganni
Cristo il brutto.
Cronache di città terrene e di città dell’oltre .
La grande legione.
Tra quelle sabbie…..
I dialoghi di giorni senza fine e l’universale Biblioteca….‒ il sogno di Heidegger.

 

Medicina territoriale:
Il pediatra espropriato ed il bambino compromesso : cronaca di un viaggio “illuminato” attraverso la dimensione antropologico-culturale dell’assistenza pediatrica territoriale, In: http://www.pediatriaolistica.it , 2004

 

Psicologia e neuro-psicologia:
I sistemi di senso e lo sviluppo, op. non pubblicata
Il divenire significante. In: http://www.pediatriaolistica, Napoli, 2004
Il genitore del piccolo tiranno. In: http://www.pediatriaolistica, Napoli, 2006
Protocollo dello sviluppo psicomotorio nel primo anno di vita
ADHD Manuale per la diagnosi e la terapia – Per il pediatra pratico e il Pediatra di
Famiglia. De Nicola Napoli 2002

 

Autobiografia:
Addio mia bella Napoli, mai più ti rivedrò,…ovvero Napoli da lontano. In:
http://www.liberaofficinaletteraria.it, Napoli 2008

 

Saggistica poetico-filosofica:
Il poeta, un fesso che ascolta qui ed ora…
Domani io tornerò
Del potere, della libertà, del diritto e della guarigione – Considerazioni a margine di
Filosofia della Rivelazione.

 

Filosofia:
Timeo: dominio, ragione e desiderio, op. non pubblicata.
La Potenza ed il potere in politica, il sacrum e la poesia. In:
http://www.liberaofficinaletteraria.it, Napoli, 2009
Elogio della monarchia imperiale, Controcorrente Napoli 2010
La mia Edith. Storia di un purissimo amore. Loffredo Napoli 2012
La rivolta della fedeltà in nome del mistero e contro la ragione : per una filosofia che
contempla, ovvero un plädoyer per una filosofia dilettante e per un monachesimo
laico ed eroico. Op. non pubblicata
Il conservatorismo integrale : la possibilità di una politica sacrale e di una sacralità
politica. Op. non pubblicata
Diritto e Metafisica, op. non pubblicata
Del potere, della libertà, del diritto e della guarigione – Considerazioni a margine di
Filosofia della Rivelazione. In: a cura di Felice Casucci, Diritto di parola, Edizioni
Scientifiche Italiane, Napoli, 2010
Il silenzio significativo nel diritto, ovvero il silenzio vitale e raccolto dell’inerme. In : A cura
di Felice Casucci, Diritto di parola, Edizioni Scientifiche Italiane, Napoli, 2011
Napoli. Manuale per la decifrazione della città dei figli del Vulcano. Op. in via di
pubblicazione presso Loffredo Napoli.

Read Full Post »

 

In questo articolo presenteremo al lettore i libri di due autori e nello stesso tempo la filosofia che ruota intorno ad uno spinosissimo tema storico.

Quello del nichilismo.

I libri sono “Il nichilismo europeo” di Martin Heidegger1, ed “Oltre la linea” di Ernst Jünger2.

Il libro di Heidegger era nato dalla revisione ed elaborazione, nel 1940, del ciclo di lezioni che egli, in piena guerra, aveva tenuto a Freiburg su Nietzsche.

Alla stesura di quest’ultimo volume partecipa di fatto anche Heidegger con lo scritto in forma di lettera indirizzata ad Jünger dal titolo “Su «la linea»” e che nell’edizione cui ci riferiamo compare nel capitolo intitolato “La questione dell’essere”. Questo scritto comparve nel 1955 nel volume pubblicato in onore di Jünger in occasione del suo sessantesimo compleanno.

Ma anche lo scritto di Jünger era comparso, sebbene anni prima, nel 1949, in un volume dedicato a sua volta ad Heidegger per il suo sessantesimo compleanno.

Era questo, come dice Franco Volpi nell’introduzione ad Oltre la linea, un momento cruciale della vita di Heidegger. Dopo che, in seguito ad una serie di alterne vicende, nel 1946 il Senato accademico dell’Università di Freiburg aveva decretato l’interdizione dell’insegnamento.

In seguito a questa sentenza il filosofo aveva attraversato l’inverno forse più terribile della sua vita e per poco non si era suicidato.

Evidentemente l’umiliazione aveva portato allo scoperto tutti gli errori che, pur nelle ottime intenzioni che lo avevano mosso, avevano comunque costellato la sua carriera. E questa profonda revisione di sé stesso e del suo pensiero senz’altro aveva fatto di lui un pensatore sensibilmente diverso da quello precedente.

Fino ad un certo punto però, perché proprio in questo suo confronto con Jünger egli non sembra affatto voler recedere da una certa ostinazione nel mantenersi su una posizione ideale che, se è ormai lontana dalla passione che seguì il suo famigerato discorso all’Università d Freiburg nel 1933, tuttavia sembra essersi raccolta in un gelido e piuttosto sprezzante demonismo, che gli impedisce del tutto di accogliere l’altra passione, quello del suo partner di dialogo, il quale pronuncia nel suo libro una chiara e netta condanna del nichilismo storico.

Perché proprio di questo si tratta con questi due libri, cioè della possibilità di comprendere il nichilismo affrontandolo e guardandogli in faccia, senza cioè rifiutarlo nettamente o fuggire davanti ad esso, oppure di tentare di giustificarlo, finendo per parlare semplicemente in suo nome.

Ma lo scopo di questa recensione è proprio quello di sottolineare l’aspetto più importante di tale questione, e cioè quello morale. Attraverso l’analisi critica dei due diversi approcci al nichilismo, quello di Heidegger e quello di Jünger, si tratta soprattutto di dare forza all’idea che non è possibile confrontarsi con il nichilismo senza condannarlo.

(altro…)

Read Full Post »